Glossario poker


Formati di gioco del poker

29 Ottobre 2012

1. Cash games

Questo è quello che in genere viene mostrato nei film sul poker (con alcune sostanziali differenze). I giocatori siedono attorno al tavolo con le proprie fiches che hanno valore pari a quello del denaro reale e si possono alzare in ogni momento smettendo di giocare oppure aggiungere altre fiches qualora perdessero tutte quelle con le quali si erano inizialmente seduti. A differenza dei miti di Hollywood, comunque, non si arriva a puntare la casa, macchina o fidanzata per restare in gioco in una mano, il cash poker è ora quasi universalmente giocato ‘table stakes’. Questo significa che non si può puntare in una mano più di quanto si abbia sul tavolo e se la puntata da coprire è superiore all’ammontare di cui si dispone si può effettuare un ‘all in’ avendo il diritto a vedere sino alla fine della mano potendo vincere le puntate sino ad un ammontare pari a quello dell’all in. La maggior parte dei professionisti vi assicureranno che è da questo formato di gioco che si traggono i maggiori profitti in quanto formato nel quale la fortuna occupa un posto poco rilevante.

Continua a leggere »

GLOSSARIO

2 Ottobre 2012

All in. Tutto dentro. Quando un giocatore mette sul piatto tutte le fiches che  ha, In Italia si dice puntare i resti.

Bet. Puntare, puntata.

Big blind (BB). Grande buio. Il nostro controbuio. Si abbrevia in BB.

Bluff. Finzione. Quando un giocatore punta facendo credere di avere un punto forte ma non è vero.

Button. Bottone. Sfera con incisa una grande D (che sta per dealer), con cui si indica simbolicamente chi è di mazzo, l’ultimo a parlare.

Continua a leggere »

STORIA DEL POKER

5 Settembre 2012

Il Poker è nato negli Stati Uniti nei primi decenni del secolo scorso. La prima testimonianza certa della sua esistenza risale al 1829. In Europa il gioco è arrivato qualche decennio più tardi ed in Italia ha cominciato a diffondersi alla fine dell’Ottocento. l Poker che si gioca nel nostro paese è comunque un gioco diverso da quello americano, anche se conserva le stesse caratteristiche di fondo. Il Poker all’italiana si gioca con un mazzo dì carte anglo francesi ridotto a 28 – 32 o 36 carte (a seconda che si giochi in 3, 4 o 5), mentre in America e in altri paesi europei si gioca con tutte e 52 le carte. Il numero minore di carte rende il nostro gioco più dinamico e complesso, perché le combinazioni più forti si realizzano con maggiore facilità. La maggior parte dei nostri giocatori di Poker (che sono milioni) è abituata a giocare solo in 4.

Continua a leggere »